Written by MB

Conosco, voce del verbo viaggiare

Che la vita è un viaggio è stato detto mille volte, che fra i viaggi più belli che si possono fare ci siano quelli insieme ai compagni di classe lo sanno tutti quelli che ricordano il proprio passato scolastico (a volte si ricorda solo quello…), se nel viaggio più o meno lontano si condivide una settimana non in giro per divertimentifici (bar, discoteche, localini da shopping compulsivo…) ma in un’altra scuola, sui banchi con ragazzi della propria età, magari una scuola marista, si costruisce un’esperienza che non è solo di viaggio, ma anche di conoscenza e apertura. La scuola che vogliamo costruire insieme deve essere capace di guardare oltre il piccolo quadrilatero fra via Caprera e via Cavallotti. Deve aprire al mondo, alle lingue,alla realtà, alla vita. Grazie ai ragazzi e ai docenti di Seconda e Quarta liceo impegnate in questi giorni nei progetti pilota Siviglia e Chicago. Le ore passate per loro nelle scuole superiori mariste di Siviglia (Collegio san Fernando) e Chicago (Marist High School). li possano formare, sedurre, aprire.

I nostri impavidi ragazzi di seconda liceo a Siviglia

La notte di Venerdì, arrivo a scuola

Ieri, stadio della partita dei Chicago Bulls

Allo stadio dei Chicago Bulls… se non sono contenti loro

Written by MB

Esperienze che segnano

La vita scolastica è fatta di tempi e di incontri.  L’uso del tempo a scuola a volte è concitato e ansiogeno (gli esami, le interrogazioni, le prove scritte) altre più lento e appagante (certe lezioni, i giorni in cui capiamo qualcosa di nuovo). Nella scuola che vorrei nessuno dovrebbe essere in ritardo: ciascuno dovrebbe seguire il suo ritmo. Pazienza e ripetizione sono cardini fondamentali, gite, recite ed avvenimenti sono avvenimenti da celebrare, ore privilegiate.

Terza Liceo e alunni di Chicago: un incontro sull’Arno

E poi ci sono gli incontri: fra pari, coi docenti, con le famiglie, con i personaggi del passato e i modelli del presente, con amici per un’anno, con fratelli per sempre…

Questa è la scuola ordinaria (e direi che è nell’ordinario la dimensione più rilevante), poi ci sono tempi e incontri stra-ordinari: l’esperienza appena vissuta di scambio e incontro con la nostra scuola di Chicago lo è stata. Giorni soleggiati, ricchi, generosi, pieni di brio e di voglia di conoscere;  sarebbe lungo presentarvi tutte le attività svolte (e toglierebbe tempo alla preparazione del viaggio nostro a Chicago per la Quarta e a Siviglia per la Seconda, non sono gite, chiamatele pure tempeste di vita…). Mi preme però ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile questo passo verso un progetto ricco di interscambio e apertura, i docenti che hanno organizzato le attività, le famiglie che hanno accolto i giovani, la Marist High School di Chicago. Grazie.

La responsabile dell’intercambio Chicago-Genova: professoressa Erica Nathan-Gamauf

Esperti Ciceroni spiegano le bellezze di Genova

Degli Americani a Firenze?

E Pisa l’hanno spiegata loro: la Prima Media!

Passaggio anche nella scuola primaria

Felici di incontrarvi, amici di Genova!

Santa Maria Novella