Written by Nadia Perazzo

Back to school…..Un sogno può bastare

Per fare un prato basta

un filo d’erba e un’ape

Un filo d’erba e un’ape

E un sogno

Un sogno può bastare

Se le api sono poche”

(Emily Dickinson)

Carissime Famiglie,

oggi è il vero inizio, il primo suono della campanella, il mettere da parte le tanto adorate vacanze… si torna sui banchi di scuola, si rivedono i visi che abbiamo lasciato e si conoscono tanti altri visi nuovi. Per qualcuno è davvero il Primo giorno di scuola, lasciati i balocchi all’infanzia, si prende lo zaino in spalla e si salgono le scale. Ma… una domanda mi sorge spontanea? Che cosa deve significare la scuola? La nostra scuola?

Io credo che essa  non debba significare soltanto frequentare le lezioni e istruirsi, ma deve essere un graduale processo di crescita, formazione ed evoluzione della persona e quindi i nostri sforzi comuni devono avere un unico obiettivo: migliorare la scuola, renderla un’officina del sapere e della cultura, luogo in cui i bambini di oggi si trasformano nei cittadini del domani.

Ciascuno di noi, con i propri ruoli, funzioni, compiti, ha il dovere di progettare e operare scelte di senso, che aiutino questi “uomini in erba” ad orientarsi verso il traguardo da raggiungere, con la consapevolezza della strada da percorrere.

Mi piace immaginare la scuola come una grande orchestra che deve suonare un’ importante opera musicale. Ogni orchestrale ha un suo ruolo, suona il suo strumento, e la sua musica non solo non invade, ma ben si amalgama con quella degli altri, rispetta lo spartito e segue il direttore d’orchestra che ha l’onere e la responsabilità di dirigere il tutto: solo così la melodia sarà orecchiabile e gradevole.  Così per la scuola: ogni elemento facente parte a vario titolo della nostra comunità scolastica, a partire da chi, come me, riveste un ruolo istituzionale, sino al personale docente e a quello  non docente, passando dal ruolo determinante dei genitori, deve proiettare il massimo impegno nelle proprie funzioni ed avere rispetto dei ruoli degli altri, senza invasioni. Solo così l’impegno comune darà risultati eccellenti”.    È un impegno questo che coinvolge tutti e, in particolare, le vite dei “nostri” bambini e ragazzi  e, per portarlo a termine,  dobbiamo camminare insieme, esserci.

Un antico proverbio dice: “I genitori possono dare ai figli soltanto due cose: radici e ali”. Pure la scuola può contribuire a questo “dare”: le radici, costituite dalla preparazione e dalla conoscenza, indirizzate ad una cultura che dà vita, e le ali, che permettono l’immaginazione ed il  sogno, necessari per volare in alto.

A voi tutti ragazzi  mi permetto di dire: andate a scuola con passione, cogliete questa opportunità non come una fatica o come un obbligo imposto dalla famiglia o dallo Stato, ma come il momento per crescere e diventare migliori, perchè è sui banchi, magari affrontando e faticando per una prova od una interrogazione, che si sceglie e costruisce il futuro che desiderate.

A voi il compito di essere migliori.

Con affetto.

La Preside

Prof.  Nadia Perazzo

Written by Nadia Perazzo

Job…Education

Quante volte abbiamo sentito le parole Alternanza Scuola Lavoro???? Tantissime soprattutto nell’ambito delle famiglie di coloro che si accingono a concludere il percorso scolastico della scuola secondaria di II grado. Ma in realtà da dove nasce detto progetto? Sicuramente è determinato da tanta passione da parte dei docenti che decidono di dare vita al progetto unita alla curiosità dei ragazzi che si affacciano timidamente al mondo del lavoro.

Einstein diceva: ” … Non ho mai insegnato ai miei allievi, ho solo cercato di fornire loro le condizioni in cui possono imparare” (cit)

E…. le condizioni offerte dalle nostre docenti Prof.ssa Laura Viale e Prof.ssa Carola Bisio sono un qualche cosa di straordinario che lascio a voi scoprire …… !!!!!!

Un abbraccio

Prof. Nadia Perazzo

Alternanza scuola lavoro in UniGe1

Written by Nadia Perazzo

Time for meeting

Carissime famiglie,

it’s time for meeting….. ecco di seguito il calendario Riunione Plenaria divisa per plessi:

Scuola Primaria:  Martedì 24 settembre h. 17,00

Scuola Media e Liceo classi I* & III*: Martedi 17 settembre h. 17,30

Liceo Classe V: Mercoledì 18 settembre h. 17,00

A fine plenaria ogni classe provvederà all’elezione dei Rappresentanti di Classe.

Goooooo!!!!!

Buon inizio a tutti

 

Prof. Nadia Perazzo

 

Written by Nadia Perazzo

Tempo di saluti… di emozioni!!!!!

In questi anni hanno tracciato un percorso di crescita, costante per gli studenti, ma non sono MAI stati docenti qualsiasi.

Laura sei stata molto di più, una Maestra/Mamma capace di ascoltare le esigenze dei bambini e sempre pronta ad accoglierli senza mai perdere di vista nè la disciplina nè la didattica; Giulia, sei andata oltre all’insegnamento della matematica, sempre pronta ad aiutare i ragazzi del liceo, non solo ad affrontare le sfide scolastiche ma anche i problemi della quotidianità.

E’ arrivato il momento dei saluti tra emozioni e commozione…non sarete in cattedra fisicamente ma SEMPRE presenti nei nostri cuori.

Semplicemente GRAZIE!!!

 

Prof. Nadia Perazzo

Written by Nadia Perazzo

Quando la scuola non è solo libri….

L’inventiva è l’arte del trovare, ma anche l’arte di interrogare la possibilità.

Arte che allo Champagnat, grazie alla passione ed all’impegno dei docenti, è l’elemento di forza che spinge i nostri ragazzi ad andare oltre l’acquisizione del “sapere” come imposto dai programmi ministeriali che tanto ci fanno “sudare”. Ed ecco che si ritrovano scienziati, ricercatori e danno vita ad un percorso stimolante, curioso ed altamente qualificato – un  “Scientific Path”- atto a divulgare le proprie scoperte ed ipotesi e da origine ad un lavoro di alta qualità come quello che vi presento, studiato e redatto in lingua Inglese dagli alunni di 2da Media.

Well done…. ancora una volta Champagnat, una famiglia aperta al mondo, all’internazionalità.

Bravi ragazzi.

Bravi docenti, Alberta Lovesio, Simone Panaro, Francesco Terrile.

” E’ l’arte suprema dell’insegante: risvegliare la gioia della creatività e della conoscenza” (cit.

ScienceProject_TheMacroMicroBiologyJournal_2019_new_cover(1)

1 2 3 24