Written by MB

“Candida pro causa ense candido” (Un’arma pura per una giusta causa)

Giovedì 11 aprile nell’ambito del progetto “Educazione alla Legalità Economica”, abbiamo avuto la graditissima visita della Guardia di Finanza presso l’Istituto grazie all’iniziativa della nostra instancabile Coordinatrice ed alla collaborazione del Comando Provinciale di Genova della GdF.

L’evento, preceduto da un lavoro preparatorio delle Maestre, ha visto protagonisti i Militari ed il Nucleo Cinofili, il cui motto ci è piaciuto usare quale titolo, che quotidianamente svolgono un lavoro di contrasto alla criminalità ed in particolare allo spaccio delle sostanze stupefacenti.

Non a caso “star” incontrastata dell’evento, coordinato dal Capitano Pietro D’Angelo , è stato Dell: un cane Labrador Retriever dolcissimo e dalla simpatia innata ma dal fiuto straordinario.

Si è trattato di una bellissima ed intensissima mattinata in cui i ragazzi, al di là della spettacolarità dell’esibizione cinofila, hanno trattato temi e valori fondamentali per una cittadinanza attiva quali la legalità e l’attitudine alla correttezza fiscale: insomma una lezione di Educazione Civica vissuta in modo attivo e reale sviluppata da chi ogni giorno è positivamente protagonista della vita sociale ed economica del nostro Paese.

 

Written by MB

Questionario di Soddisfazione 2019

Anche quest’anno Vi chiediamo di compilare il questionario dedicato alla soddisfazione delle Famiglie riguardo i diversi aspetti legati alla vita dell’Istituto.

Pur consapevoli che la compilazione del questionario comporti un tempo di circa ‘5 ed un po’ di pazienza, tuttavia la raccolta delle informazioni contenute nel documento rappresenta per l’Istituto un utilissimo strumento per governare ed orientare la Scuola, tanto più che si tratta di informazioni ottenute dalle Famiglie in modo diretto

 

Per tali motivi vi preghiamo di collegarVi ai seguente link e compilare il questionario che verrà proposto.

 

Primaria e Secondaria

Infanzia

 

Ribadiamo che la compilazione del questionario oltre a rappresentare un proficuo momento di incontro tra la scuola e le famiglie costituisce un preziosissimo valore aggiunto in termini di collaborazione e sinergia. Il questionario sarà disponibile on line per la compilazione dal 15 al 28 marzo.

Nel ringraziare per la cortese ed utilissima collaborazione inviamo i migliori saluti.

Written by MB

Progetto di Alternanza Scuola Lavoro con SimAV

All’interno del progetto pilota “Progetto alternanza Scuola-Lavoro interdisciplinare di Ateneo”, presentato al Salone Orientamenti 2018 dal nostro istituto, dal MIUR e dall’Università di Genova, il SimAV (Centro di servizio di Ateneo di simulazione e formazione avanzata) ha realizzato un percorso di alta formazione con tecnologia di simulazione che ha reso pubblico sul sito dell’Università.

Agli studenti attraverso lezioni frontali ed esercitazioni in simulazione è offerta la possibilità di usufruire delle tecnologie di simulazione medica ad alta fedeltà, di simulare un ambiente ambulatoriale con strumenti di media e bassa fedeltà fino alle esercitazioni di bassa chirurgia. Li si introdurrà in un ambiente ospedaliero simulato per studiare casi virtuali al computer.

In particolare il piano formativo prevede di affrontare argomenti propri della emergenza/urgenza nei giorni 13 e 15 febbraio, quali:

  • l’organizzazione della emergenza territoriale (centrale 112/118);
  • la cassetta PS, la medicazione delle ferite, l’applicazione di punti di sutura, il lavaggio mani;
  • il monitoraggio dei parametri vitali;
  • il primo soccorso RCP BLS-D;
  • la gestione delle emorragie (Corso bleeding);
  • il trattamento delle ustioni;
  • i soccorsi in caso di annegamento, intossicazione e uso di stupefacenti, trauma.

Il progetto multidisciplinare, realizzato attraverso uno schema che coinvolge diverse strutture dell’Ateneo e le loro diverse competenze, è precursore di una nuovo concetto di Alternanza Scuola Lavoro.

Written by MB

Memoria e riscatto

Lunedì 14 gennaio, dalle ore 9,00 alle 10,30 il signor Gilberto Salmoni, 90 anni, ha parlato a tutti i ragazzi della scuola media e del liceo.

Gilberto Salmoni è un ingegnere genovese che quando aveva 16 anni è stato deportato con tutta la sua famiglia a Fossoli e poi a Buchenwald insieme a suo fratello maggiore. Loro due per caso, per fortune misteriose, per fatalità sono ritornati a Genova. Suo padre, sua madre, sua sorella no.

E poi la storia è andata avanti, quei giorni feroci e insensati si sono allontanati sempre più e le ferite, giorno dopo giorno, hanno smesso di sanguinare. E ora da quelle ferite assurde, in modo semplice e quasi sottovoce, è nato un impegno, un servizio, una attività di memoria e riscatto. Salmoni è il presidente della sezione genovese dell’Aned  (associazione nazionale ex deportati nei campi nazisti) e ci ha stupito tutti, lunedì. Sia quando ha parlato della sua giovinezza nella cappellina dell’istituto, sia quando si è intrattenuto per un caffè con la comunità dei fratelli e alcuni docenti, sia quando, una vera roccia, ha passato ancora una oretta solo nella classe quinta liceo, con i nostri diciottenni. A fianco a lui poi era presente anche la professoressa Anna Romanzi (moglie dell’illustre scienziato e partigiano Carmine Alfredo Romanzi, ex rettore dell’università di Genova dal 1969 al 1984).

Memoria e riscatto, scrivevo, per sintetizzare il lungo dialogo fra un signore di 90 anni a cui il male, i tradimenti, la follia, l’ideologia di morte che muoveva nazisti e fascisti degli ultimi anni di guerra non sono riusciti a togliere la serena accettazione dei momenti difficili, la fiducia nei confronti dei buoni (suo fratello, i compagni di prigionia, specie di quelli di cui capiva la lingua), la coraggiosa convinzione che il rispetto dell’uomo, la tolleranza, la resilienza (capacità di superare gli ostacoli con l’intelligenza e l’ironia) alla lunga vincono e meritano di essere preferiti alle urla dei prepotenti.

Riscatto, dicevo perché il modo sereno di parlare di questo signore, l’invito a riconoscere le cause dei mali descritti (la dittatura, la mancanza di democrazia, la violenza verbale e fisica), la gentilezza e il sorriso che lo hanno accompagnato per tutto l’incontro dimostrano che non c’è ostacolo che ci può bloccare per sempre.

I ragazzi hanno fatto domande, i docenti hanno ringraziato della testimonianza, tutti siamo rimasti stupiti dalla dolcezza e dalla mancanza di acrimonia in questo testimone luminoso di giorni bui. Grazie delle sue parole, signor Gilberto, con lei non abbiamo solo celebrato il giorno della Memoria, ma abbiamo visto in pratica come la libertà e la voglia di superare gli ostacoli aiutano a vincere ogni rancore.

Un grande scrittore, Thomas Mann,  nemico giurato del nazismo e del suo capo, ha scritto un articolo dal titolo urtante: Fratello Hitler.  Lì scrive: “So che Hitler è parte del mio popolo e ho delle responsabilità nei suoi confronti. Lo ucciderò, lo punirò, ma se Hitler avesse dei figli sarei anche responsabile della loro educazione…”

Ecco, nelle parole prive di livore e piene di comprensione del signor Salmoni, anche nei confronti dei Tedeschi di oggi che ogni anno lo invitano in pace e senso di riparazione, ho sentito la stessa volontà di questo scrittore di guardare senza timore negli occhi la belva del male , ma di proteggere e accudire con rispetto tutti i cuccioli, anche quelli malnati. Grazie, dott. Salmoni, delle sue parole di speranza. Grazie anche al gruppo di pastorale della scuola che ha organizzato questa toccante giornata.

Written by MB

Nuovo progetto urbanistico: grazie alle Istituzioni e alle famiglie

Lunedì 18 dicembre 2018 il Consiglio Comunale  di Genova ha approvato il progetto per la ridefinizione urbanistica degli spazi attigui lo Champagnat.
L’Istituto esprime grande soddisfazione per il benestare ad una iniziativa che, per quanto ci riguarda, consentirà alla Scuola di guardare al futuro con vivo entusiasmo e rinnovata fiducia.
Un sentito ringraziamento va quindi all’Amministrazione della Città, in particolare al Sindaco Marco Bucci ed all’Assessore all’Urbanistica Simonetta Cenci, oltre a tutti coloro che hanno fortemente creduto in questo progetto e nella cruciale importanza che rivestirà per l’Istituto.
Siamo infine ma certamente non in ultimo, particolarmente grati a Voi Famiglie che con pazienza e fiducia ci avete sempre garantito un convinto e straordinario supporto in questo complicato momento della nostra storia: adesso possiamo davvero scrivere insieme una nuova pagina non solo per l’Istituto Champagnat ma soprattutto per i ragazzi che quotidianamente ci affidate.

Un carissimo saluto da tutti noi.

Il Direttore dell’Opera
Angelo Nelli

1 2 3 11